Renée Purpura

Renée Purpura

Sono un’osservatrice silenziosa.

Disegno da sempre, 

da quando il supporto era la terra e lo strumento le dita su di essa, e poi con lo strumento della luce ed il supporto di un sensore elettronico o una pellicola fotosensibile, ad ora con lo strumento del fuoco ed il supporto il legno.

Sono giunta alla fotografia perché attraverso ciò che rappresentavo con pennelli, penne o matite colorate non riuscivo a raccontare la bellezza del mondo esterno, ma solo l’intimità, il sogno e la speranza di quello interno.Mentre man mano iniziavo a vedere il mondo “fuori” come un flusso di perfezione che scorre, scandito dalla bellezza delle forme, dei movimenti, degli sguardi e delle anime…
ed era questo che volevo disegnare e raccontare! 
Così ho iniziato ad utilizzare la Luce e la fotografia è diventata lo strumento per raccontare le emozioni e l’incanto che vedo e che vivo costantemente.

Quella Luce poi divenne Fuoco, per l’amore immenso che ho scoperto per la Natura, per gli alberi e la Terra, nella la ricerca dell’armonia di un fuoco che scalda e a volte brucia…
come fa la Vita con noi, che attraverso le esperienze, come fuoco, segna e disegna la nostra carne, come faccio con il legno, sentendone di ognuno l’odore, l’essenza.

Nata in Brasiele, a Belo Horizzonte il 6 ottobre del 1986 giunsi in Sicilia, a Palermo, nel Maggio del 1992 adottata da una coppia di palermitani.

Cresciuta con il disegno come compagno di giochi, giunsi alla fotografia nel 2011 e ancora al disegno, con il fuoco della pirografia nel 2016.

Competenze

Postato il

31 Maggio, 2019