La Nuda vita

LA NUDA VITA | laboratorio per musicisti e amatori
concept e conduzione Gianni Mimmo – compositore, musicista, intervento del Dott. Paolo Faranda, esperto storico locale

21, 22 luglio Piazza Moschita-Piazza Pertini-Torre h18-20

23 luglio Piazza Moschita-Piazza Pertini-Torre h18-20 lezione aperta

La Nuda Vita è un laboratorio, aperto a tutti, che intende sollecitare uno sguardo profondo, una pratica artistica e un ascolto consapevole intorno ai luoghi che abitiamo per un tempo, breve o lungo che sia.
Un suggerimento, un sussurro che accenda la nostra attenzione e che rinnovi il nostro stupore.

Cominciare da un luogo che vedo abitualmente, ma che osservo raramente e sempre in modo distratto.
Come avessi dimenticato di accorgermene, una presenza che inconsciamente trascuravo.
Quella piazza, quella torre, cui lancio uno sguardo insufficiente, lontano, assorbito, come sono, dal mio affanno del vivere.
Oltre alla storia che lo veste, alle vicende che vi si nascondono, oltre all’archeologia del mio pensiero, all’ombra che il mio tempo proietta su quel passato, posso trovare un modo sublimativo per investigare quel luogo?
Trovare un tempo per ascoltarlo?
Per avvertirne un improvviso riverbero, una risonanza notturna, un sussurrato richiamo?
Formulare gesti e parole, suoni che restituiscano il suo stare sulla linea tra ineffabile luce storica, crescita e oblio.
Regno non transitorio, imprendibile genius loci, cui vogliamo tendere una carezza che ne rispetti la presenza, l’alto sguardo. Riconoscerci nel riconoscerlo, l’arte come dispositivo nelle nostre mani.

Sottoposta a incessanti e profondi rimescolamenti, accelerazioni e turbinii, violenti smarrimenti e frammentazioni, il nostro sentire, provato e distratto, cessa di credere ad un’immaginazione alta, uno sguardo consapevole. La nuda esistenza diviene per molti l’unica cosa da preservare a qualsiasi prezzo. Molte categorie, prima avvertite come inalienabili, passano in second’ordine quando essa viene minacciata (per esempio da una pandemia). Ma il nostro palcoscenico, l’ambiente nel quale muoviamo i nostri tentativi, ha più di un “guardiano della soglia”.
Volgiamo lo sguardo in quella direzione, un disvelamento e un risveglio ne seguiranno.

Gianni Mimmo

Per info e prenotazioni: incastrofestival@gmail.com – 3498388723

Competenze

Postato il

31 Maggio, 2021