Antonio Presti

Antonio Presti

Fondazione Antonio Presti
FIUMARA D’ARTE
A cura di Gianfranco Molino

L’impegno della Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte è sempre stato quello di affermare attraverso il valore della bellezza una possibilità di cambiamento. Sempre con spirito di donazione sono state offerte alla terra di Sicilia grandi musei all’aperto, impegni etici per quei luoghi di mancamento (periferie), per ridare alla bellezza il suo spirito
emozionale.

Il tutto nasce da un grande sacrificio personale del presidente Antonio Presti che con proprie risorse, senza contributi pubblici, ha realizzato tutti gli eventi di Fiumara d’Arte.

ANTONIO PRESTI

Presidente Fondazione Fiumara d’Arte

Antonio Presti è un siciliano che ha deciso di dedicare tutto se stesso, compreso il suo patrimonio personale, per far trionfare l’arte in tutte le sue forme

Nato a Messina, è il presidente della Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte, impegnato da anni in Italia e nel mondo a creare una coscienza legata alla cultura ma soprattutto ad uno spirito etico, che si forma proprio attraverso un rapporto differente con la bellezza. Tra le iniziative la creazione del parco di sculture monumentali nella Valle dei Nebrodi in Sicilia Fiumara d’Arte, dell’ Atelier sul Mare, un albergo- museo a Castel di Tusa, in provincia di Messina e la realizzazione del Chilometro di tela, che ha chiamato a raccolta, durante i numerosi anni della sua realizzazione, numerosissimi artisti.

A Catania ha creato la Devozione alla Bellezza, con il Cero di S.Agata, la Casa-d’Arte Stesicorea, l’evento di poesia Il treno dei Poeti, e ancora Terzocchio – Meridiani di Luce rivolto al quartiere periferico di Catania Librino, dove Presti chiamerà a collaborare alcuni tra i più importanti fotografi del mondo, che avranno l’incarico di fotografare l’anima del quartiere: la gente” Sempre a Librino realizza la “Porta della Bellezza”, un progetto che mira, a ricostruire un’integrità spezzata, facendo ritrovare identità e specificità di luogo a un non luogo tra i tanti di Librino, e contribuendo quindi a promuovere il senso di appartenenza nei suoi abitanti.

E ancora Il Cantico di Librino, progetto artistico che ha coinvolto 10 fotografi e migliaia di cittadini che hanno ribattezzato la loro esistenza nel nome di San Francesco.

Competenze

Postato il

20 Maggio, 2019